cosa salverò o saluterò il mondo coi fiori /Niccolò Fabi – Quello che volevo

cosa salverò?

la parmigiana al pesto

cosa salverò?

LE PAROLE DI RISERVA

cosa salvero?

il mio amore per la mia città

cosa salvero?

le donne in cucina

cosa salvero?

omerta mafiosa miiii miii

ode a te e ti saluterò coi fiori

per inf … sulle mi cazzate

la pag 777 del televideo

SALVATE LE  SCUOLE IMPERIESI CADONO A PEZZI

Annunci

Prossimi appuntamenti all’Arci Camalli di Oneglia/io sto con la fiom

Prossimi appuntamenti all’Arci Camalli di Oneglia

Mercoledi’ 30 novembre
Alle ore 20.00 Si cena con Caterina in cucina.
Alle ore 21 Caffe’ filosofico all’Arci Camalli, con Silvio Zaghi come mediatore

La filosofia non e’ nata nelle scuole e nelle universita’, ma nelle strade e nelle piazze (nell’ agora’), dove insieme alle merci, agli scambi, alla moneta, circolavano idee, opinioni, linguaggi diversi. Il senso del Caffe’ filosofico è tutto qui: riscoprire il senso delle domande universali sul perche’ delle cose come parte della nostra quotidianità; recuperare il piacere dei momenti di socialità, dell’ascolto e del confronto, durante i quali giocare a filosofare significa costruire un percorso nel quale il dialogo con gli altri si combina con la riflessione personale, senza preoccuparsi di stabilire dove tale percorso ci condurra’.
L’argomento di questa settimana sara’: argomentazioni ed errori

Giovedi’ 1 dicembre
alle ore 20.00 Corso di spagnolo.

Si cena alle 21.15 con Elisabetta, Maria , Alice e Marilena in cucina, si prega di prenotare.

Venerdì’ 2 dicembre
h. 20 cena delle associazioni S.I.A.M.A. e Papà Separati con preghiera agli aderenti di prenotare ai rispettivi referenti.

Chi non fa parte di queste associazioni, ma vuole partecipare, è pregato di prenotare a Caterina al 3283322570.

Sabato 3 dicembre
21.30 Maneras ai Camalli!!

pur votanto pd …. io sto con la fiom…. no a pomiliano……….

Trattative Fiat: l’azienda caccia la delegazione della Fiom

Trattative Fiat: l'azienda caccia la delegazione della Fiom

ore 16:03 –

TORINO – Inizia col piede sbagliato il tavolo delle trattative, convocato dalla Fiat su richiesta dei sindacati, per discutere della decisione della Fiat di non rispettare più i contratti collettivi nazionali all’interno delle proprie unità produttive. Quando oggi è arrivata la delegazione della Fiom (formata dal segretario Maurizio Landini e da altri 15 elementi), non le è stato permesso di entrare al completo. Metà avrebbe dovuto aspettare fuori o andare via.
Ma Landini non ha accettato questa situazione e quindi, pur lasciando un “osservatore”, si è allontanato con l’intera delegazione.
Fuori dalla stanza, parlando con i giornalisti, il segretario della Fiom si è sfogato: “Siamo ad una situazione paradossale: la delegazione della Fiom non può entrare, per questo anch’io esco sperando di poter rientrare poi con la mia delegazione. In ogni caso abbiamo lasciato un osservatore al tavolo di trattativa. La Fiat sta perdendo la testa ancora prima di cominciare, non mi era mai capitato di essere invitato ad una trattativa e a non poter entrare. Se l’azienda voleva dare un segnale, ci è riuscita”.
fonte

Trattative Fiat: l’azienda caccia la delegazione della Fiom

con i più poveri sempre……… e il pd li difenda…

” ma belin pure i kebab son dei grandi……… e chi si indigna fà poco..

e le scuole cadono a pezzi… e i giovani col conto in bianco…. e oggi non è domenica… e oggi si deve parlare………..”

imperia chi la vuol far morire…. imperia che non vuole il capodanno..

e cosa vuole per i giovani………. ditemi……… ditemi

io stò coi più deboli sempreee

grande baffo …… grande kebab…. uniti contro le ingiustizie

uniti … siempre siempre 

VICINO 

 

vicino al vetro la parola amore

lontano da occhi indiscreti il mio amore

vivere col tuo pensiero di amata vincente

al ombra dei sottili alberi di castagne 

al ombra di funghi marroni 

AL OMBRA DEI VINTI

AL OMBRA DEI GIOCATORI PERSI

AL OMBRA DELLE VITTORIE

AL OMBRA DEI PESCATORI 

 

cosa salvero/ arci brixton in tour …/

si deve ridere ogni tanto

jaja

AQUILA TORNA A VOLARE….

” COSA SALVERò”

cosa salverò….. un giorno la mia pelle….. mangiereccia….

la breccia di mare…. il fuoco argilloso…. il freddo dei scontenti….

cosa salverò…… la fatica d’essere allegro…. la fatica di serate tristi,…

il pescatore di imperia….. il carciofo da far crescere….

cosa salverò……. il consiglio di un amico… il cestino e il week end

le onde dei fiumi in piena di messina…. l’acqua che potrebbe tornare privata… lo stretto delle ardenne…

cosa salverò…. le curve della strada che porta in montagna…

le camminate sul torraggio…. il rispetto per me stesso?

continua…

arci brixton

Brixton Tour
Sabato 3 Dicembre – Bar Breakfast (Alasso)- aperitivo live con Mixcuglio (Matteo Ricordo)
Sabato 10 Dicembre – Punto d’incontro Italo Calvino (Loano) – Macaia Blue Monday Live
Giovedì 15 Dicembre – Liquid (Alassio) – Aperitivo molesto con Dj Set
Domenica 18 Dicembre – Biblioteca civica di Alassio – Cosa sta succedendo sulla riva Sud? con Hamza Piccardo.
Sabato 6 Gennaio – Società di Mutuo Soccorso Milleluci di Legino (Savona) –  Serata live con gruppi da definire e cibarie offerte dalla mitica SMS di Cantagalletto
Sabato 28 Gennaio – Circolo ARCI Taun (Fidenza) – Low Light Live
Per tesserarvi potete venire alle varie tappe del Save The brixton Tour, scrivere una mail a peruzzo@arciliguria.it (si può anche valutare la spedizione), contattare mediante sms il 335 6172198.
RADIOCLASH @ RADIOCLASH + LOW LIGHT SAVE THE BRIXTON CONCERT – Imperia, …
C.S.A. LA TALPA& L’OROLOGIO
Imperia, Italy
sabato 7 gennaio 2012 alle ore 23.00 – domenica 8 gennaio 2012 alle ore 2.00

grande zibba…/ le storie di via del ospedale ineja” la scimmia di ineja/ziBBA – MARGHERITA

SAVE THE BRIXTON   
ALASSIO ARCI BRIXTON 
Ciao!!
Ecco quì di seguito qualche dettaglio in più sul musical “All’ombra dell’ultimo sole” che vede Zibba fra i protagonisti.
Potrete vederlo per tutto il mese di dicembre a Milano. Non perdetevelo!! SerE
 
Lo spettacolo è un racconto musicale basato sulle canzoni, le storie e i personaggi raccontati da Fabrizio De Andrè. In musical anomalo, sulla nostra storia recente, su quegli anni ’70 caratterizzati da profonde trasformazioni e contraddizioni, ma già gli anni “mitici” per le generazioni successive. Protagonista della storia è un gruppo di giovani che vive un momento storico di grandi speranza e di gravi conseguenze: è il 1975 e i ragazzi decidono di aprire un locale in un magazzino dietro Via del Campo, dove fare musica e parlare di rivoluzione.
Il locale, diventa un luogo di ritrovo di giovani, ma le cose non vanno nel verso giusto e anche se il “sogno” sembra vicino, la strada per il cambiamento è ancora lunga…All’ombra dell’ultimo sole non è un musical su Fabrizio De Andrè (che viene citato solo di sfuggita dai personaggi) è un musical sul mondo di Faber, la cui musica non solo segna il ritmo dello spettacolo, ma dà anche il nome ai protagonisti del racconto (da Bocca di rosa a Nancy, da Michè a Pasquale Cafiero) e permea le atmosfere dei caruggi di una Genova immaginaria illuminata dalle luci del bar “La cattiva strada” fino ai fuochi della rivolta nel carcere scandita dal ritmo della Canzone del Maggio.
________________________________________________________________________________________

NEWS
________________________________________________________________________________________

PROSSIMI CONCERTI
dal 1 al 31 Dicembre “All’ombra dell’ultimo sole” @ Teatro Menotti – MILANO
7 Dicembre Double Trouble feat Bunna @ Chachamuri – Torino
17 Dicembre Double Trouble feat Bunna @ Bloom – Mezzago (MB)
25 Dicembre Zibba e Almalibre @ Area pedonale di Via Pigneto – Roma
________________________________________________________________________________________

la scimmia di ineja
“c’era  una volta.. una scimmia di via del ospedale… essa era mafiosa… nel 
senso che amava solo le banane viola…. essa viveva  nel tempo della lentezza.. ove la legalità era cosa sciocca…
c’era una volta .. un prete di nome … ovidio… ella ne era innamorato dei suoi versi poetici… la scimmia… 
c’era una volta ad ineja la scimmia di via del ospedale… essa era famosa per il suo whisky …. e la sua aranciata… dietetica….
c’era una volta o non c’è più la scimmia amata… da poco…
c’era una volta il cavallo zoppo…. di ineja…. imperia…
beveva.. come una giraffa… pregava come un pastore tedesco…
c’era una volta lo scemo del villaggio  di ineja….
che voleva… essere un bello…
ma era lo scemo del villaggio…. perso nel porto dei miraggi…
ma i miraggi delle foce di ineja…. son duri da digerire 

innovazione,…… salvo quiz … arci guernica …/

innovazione…. salvo quiz…  quello sempre …

 MAFIA PERMETTENDO 

il sole innovatore del mondo

cerchio del tempio dominante

frusta il servo lavoratore

il sole innovatore incatena… il precario imperiese

strade sconnesse… bugie fesse…

il vecchio e il cerchio in tribunale…. dei nuovi sapori

arci guernica

Venerdì 2 dalle ore 19,30

In cucina:

Cena popolare

Di seguito ore 21

  incontro e dibattito  prendendo spunto da

 “Polvere. Il grande processo all’amianto”

(documentario)

con

Bruno Pesce

(Associazione Famigliari Vittime Amianto di Casale Monferrato)

 Diego Quirino e Luca Cavallero

(Associazione Voci della Memoria)


su
 

CASALE MONFERRATO,

100 ANNI DI AVVELENAMENTO

 DA AMIANTO VANNO A

PROCESSO

Casale Monferrato, prima città in Italia ad aver bandito la lavorazione dell’amianto nel 1986 ha pagato, sta pagando e pagherà un tributo pesantissimo al materiale lavorato e prodotto dalla multinazionale Eternit che aprì il proprio stabilimento nel 1906: ad oggi sono 1.800 i morti e 400 gli ammalati, buona parte di essi sono cittadini che mai hanno lavorato il minerale killer, 50 sono i nuovi casi registrati ogni anno nonostante la fabbrica della morte sia chiusa oramai da 25 anni. A 80 km da Casale Monferrato, presso il Tribunale di Torino, da due anni si sta svolgendo l’unico tentativo, a livello mondiale, di trovare i responsabili internazionali della catastrofe globale dell’amianto, processo che dovrebbe arrivare a sentenza nei primi mesi del 2012. Gli imputati sono i massimi dirigenti della multinazionale svizzero-belga per i reati di “disastro ambientale permanente e omissione delle norme di sicurezza”.
Il racconto di “Polvere. Il Grande Processo dell’Amianto” si snoda attraverso i primi mesi delle udienze del processo penale contro i grandi padroni internazionali dell’amianto, in corso a Torino, dove una comunità intera, quella della piccola città di Casale Monferrato, in Piemonte, lotta per ottenere giustizia per i suoi morti, ex operai e semplici cittadini. Poi una finestra si apre, e da qualche parte nel mondo, un po’ più lontano e sotto un altro cielo, in Brasile e in India, industriali e attivisti, trasportatori e operai, replicano davanti ai nostri occhi, oggi, l’eterno gioco delle parti, rimpallandosi certezze, silenzi e mezze verità e, purtroppo, bugie che verranno pagate a caro prezzo. Per approfondimenti:

 http://vocidellamemoria.org/      http://www.afeva.it/

Sabato 3 dalle ore 20,00

 In cucina: Cena popolare

Di seguito :

 CROSTA

Punk rock   Music live


Domenica 4 dalle ore 18,00


IL Gruppo E123 E IL Circolo Arci  Guernica presentano

CINEMA E FOLLIA

approfondimento culturale prendendo spunto da

LA CASA DEI MATTI  di Andrei Konchalovsky

Seguirà CENA SOCIALE

INGRESSO RISERVATO AI SOCI ARCI

INFO 3311143004

 

Giornata contro la violenza su donne il Maschio Angioino si tinge di rosa – Napoli – Repubblica.it

 

zero tituli… zero visite … imperia e artigianato…/Litfiba – Squalo

beh beh… arrivando da alassio oggi che vedo il traffico deviato….

urka… urka… imperia vive….

mah se son mercatini e buono… no….???????????

mah perchè tenere allora chiusi i negozi…..?????

e vabbè succede… su la prossima volta tutti aperti…. due erano aperti dai dai… e buono su su… “SAVE THE BRIXTON”

 quindi mago… de magu falli tenere aperti tu…..

e chissà se succederà….. jaja

www.ilmessaggero.it

succede…. che la siria sia immune o no?