il silenzio migrante rt imperia disubbisci/

il silenzio migrante rt imperia disubbisci

 

” per favore di di no

restiamo umani…..non altro

basta con queste crudeltà  … vi prego… vi scongiuro siate umani… e fateli migrare”

 

si svolto oggi un flash mob… per denunciare quella che in silenzio la chiamano deportazione.. si son distruiti volantini… e spero la gente reagisca…. e parli  e magari convinca rt imperia …

 

a spiegare… che vuol dire questo… io personalmente non taccio.. e spero

e spero ci sia disubbidienza del rt…. o per lo meno una spiegazione… da parte del governo e dello stesso rt

” se ho offeso ne chiedo scusa… imperia però merità la verità”

il nome a tutti noto… come un socio del arci camalli grande assemblea oggi.. ci si risvegli dal silenzio..

 

imperia. flash mob in calata cuneo. catene ai piedi, attivisti sfilano i

 

Si sono presentati così, questo pomeriggio, tra le bancarelle di San Giovanni, davanti ai passanti, in Calata Cuneo, una
decina di attivisti. Hanno inscenato un flash mob, promosso dal Circolo Arci, per dire no alle “deportazioni dei migranti”

 

” hurriya”

Non arretrare di un millimetro sul tema dei diritti. Sempre contro queste decisioni razziste. Adelante Arci Savona!

foto di Arci Savona.
Arci Savona

COMUNICATO CONGIUNTO ARCI e CARITAS

CARCARE: TUTELA SANITARIA O RAZZISMO DICHIARATO?
DICIAMO NO A PROVVEDIMENTI ALLARMISTICI E DISCRIMINATORI

Ieri il sindaco di Carcare ha emesso– sotto la dicitura di ‘Ordinanza di tutela sanitaria’ – un provvedimento che vieta “la dimora (anche occasionale) di persone provenienti dai paesi dall’area africana o asiatica presso qualsiasi struttura d’accoglienza, prive di regolare certificato sanitario attestante le condizioni sanitarie e l’idoneità a soggiornare”.
I firmatari del presente documento ritengono che provvedimenti come questi siano doppiamente sbagliati. Da un lato, sono contrari alle leggi nazionali, ai trattati internazionali in materia di diritti umani e lotta contro le discriminazioni e alle direttive europee in materia di protezione internazionale: sono perciò illegittimi ed inaccettabili. Dall’altro, si basano su una tesi infondata in materia di correlazione “tra l’insorgenza di malattie infettive, l’origine etnica, la provenienza geografica”
Che sia una tesi non corretta, è affermato anche dal Governo Italiano ed in particolare dall’Unar (Ufficio Nazionale antidiscriminazioni razziali) che si è già espresso a seguito dell’ordinanza del Sindaco di Alassio dell’anno scorso, sostenendo che questo tipo di ordinanze “sembrerebbero configurare una molestia ai sensi della legge anti discriminazione, ovvero quei comportamenti indesiderati, posti in essere per motivi di razza o di origine etnica, aventi lo scopo o l’effetto di violare la dignità di una persona e di creare un clima intimidatorio, ostile, degradante, umiliante e offensivo” e considerando “discriminatoria la misura di vietare a tali cittadini stranieri di insediarsi anche occasionalmente nel territorio comunale”.
Sottolineiamo, inoltre, che l’afflusso di richiedenti protezione internazionale sul territorio italiano non ha generato nel presente o nel passato emergenze sanitarie e che essi sono tutelati dal SSN e dall’ASL attraverso i medici di base e le strutture territoriali che – con la loro azione quotidiana – garantiscono la salute dei singoli e, più in generale, quella pubblica.
Non condividiamo un’accoglienza di persone rifugiate e richiedenti protezione internazionale fatta esclusivamente sul numero di alloggi o di posti disponibili senza tenere conto del possibile inserimento sociale e dell’impatto sul territorio visto che siamo consapevoli dei problemi e delle criticità che possono nascere, ma siamo assolutamente convinti che tali problemi non possano essere prevenuti o tantomeno risolti con provvedimenti pretestuosi, come le asserite e inesistenti esigenze sanitarie che sfociano in inaccettabili discriminazioni.”
Per questi motivi agiamo quotidianamente per favorire un’accoglienza integrata con i territori e diffusa, ricercando la collaborazione degli Enti Locali, creare occasioni di inserimento ed integrazione, utili per chi viene accolto e per le comunità, costruendo contesti utili a evitare inutili allarmismi e situazioni di isolamento e disagio.
Esortiamo le istituzioni, nei vari livelli politici e governativi, ad intervenire, da un lato opponendosi a provvedimenti di questa portata e dall’altro a gestire il sistema di accoglienza con regole che permettano realmente l’integrazione dei rifugiati nelle nostre città.
Sosteniamo il modello di accoglienza condiviso dall’ANCI (Associazione Nazionale Comuni d’Italia) che, attraverso la partecipazione diretta degli Enti Locali, permette di realizzare un’accoglienza diffusa e monitorata in armonia con le differenti comunità e crediamo che solo una risposta corale e responsabile a questo tipo di progetti possa creare le condizioni per diminuire la richiesta di posti di accoglienza gestiti secondo una logica emergenziale.
Invitiamo le persone, le associazioni e le istituzioni, ad esprimere subito e senza mezzi termini il rifiuto di questi provvedimenti sbagliati nel merito, allarmistici e discriminatori.
Invitiamo, infine, tutte e tutti ad intraprendere iniziative pubbliche che facciano sentire forte e chiara la loro indignazione contro tali provvedimenti, ai quali sarà data quanto prima anche una risposta sul piano giudiziario riprendendo il percorso dei ricorsi davanti alle autorità giudiziarie competenti che i firmatari si impegnano a promuovere.

Arci Liguria – Arci Savona – Caritas Savona – Sportello Avvocato di strada di Genova

 

ma poi leggo dal blog di marco preve

 

Dopo il sindaco di Alassio anche il sindaco di Carcare vieta l’ingresso ai migranti privi di certificato sanitario. Pure lui teme malattie contagiose. Che pure i medici della polizia e la presidenza del consiglio abbiano sostenuto che si tratta di puro allarmismo per loro non conta nulla.

Ma saranno più contagiosi i microbi, il razzismo o l’ignoranza?

fonte

LiguriTutti | Migranti: fermiamo il contagio

 

e vedo che tutto il ponente a le sue magagne

io son un vecchio blogger … a gennaio con girmi faccio 10 anni…

ma quello che desidero…. e che la gente apra gli occhi.. e ragioni

 

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...