imperia dal consiglio comunale alla ferrovia / Tre ragazzi del Vieusseux di Imperia vanno in finale alle Olimpiadi di Italiano /ventimiglia il sindaco levi l’ordinanza per il cibo/DARK POCO GANG – CC (PROD. SUCK YOU)

. fare un’Ordinanza da Sindaco contro chi offre del CIBO ai Migranti.. questo sarebbe il Partito Democratico in Liguria??

Io, non ci posso ancora credere..

fonte

Aleksandra Matikj

concordo in pieno…

si spera la tolga..

17201107_925045304299237_5814589700856903371_n

e si va in consiglio comunale  … chau giulia gorleri…

15078726_925045310965903_2730667963763422543_n

e ferrovia bella ma vuota… dentro peccato u.u

😉

Tre ragazzi del Vieusseux di Imperia vanno in finale alle Olimpiadi di …

E’ in corso la settima edizione della competizione inserita nel Programma di valorizzazione delle eccellenze

” grandi super… mitici”

DARK POCO GANG – CC (PROD. SUCK YOU)

superrrr….

In vento

Un vento sugli scogli
Un cuore in motorino
Un anima di passaggio
Un portafoglio che passa
Una finestra che mai spengo

il 19 manifestano a ventimiglia… davanti alla caritas chi vuole vada…

 

Comitato per gli Immigrati e contro ogni forma di discriminazione”

 

ore 17….

 

il 16 tutti per FELIX…..  ORE 1400 .. O ANCHE PRIMA .. DAVANTI AL TRIBUNALE DI IMPERIA…  NON E UN CRIMINE AIUTARE I MIGRANTI

Rifugiati a Ventimiglia : una condanna di Felix Croft sarebbe profondamente ingiusta

Il governo italiano, uguale al francese, rifiuta di trattare con dignità i rifugiatiche bussano ai loro confini.

Di fronte la quel rifiuto persistente di trattare il problema all’altezza del drama rappresentato, alcuni cittadini delle Alpi Marittime, coscienti della sciagura vissuta dai quei migranti, s’impegnano in un procedimento solidale per risparmiare loro fame, freddo, malattia e pure la morte per incidenti, come sono già  avvenuti troppe volte.

Dopo di chè, la Francia, invece di iscriversi nella legalità ed evitare dunque ai cittadini quelle azioni di benevolezza non ha trovato altro che processarli da colpevoli di ” reato di solidarietà.

Lo stesso per l’Italia che prosegue Felix Croft, imputato dalla giustizia italiana per avere aiutato persone in situazione irregolare e, peggio, di averle messe in pericolo di morte (trasporto di sei persone in una macchina da turismo !).  Percio’ incorre una pena di prigione ferma perfino a quindici anni.

Oggi siamo accorati di costatare, col caso di Felice, che l’Italia ha raggiunto la Francia nell’infamia.

Difatto, durante un’azione solidale rispetto a una famiglia sudanese, lui è stato arrestato il 22 luglio 2016 a Ventimiglia dove numerosi migranti sono costretti a dormire,  qualunque siano le condizioni meteorologiche, nella strada dove il sindaco ha firmato un decreto proibendo ai cittadini di nutrire i rifugiati col pretesto di eventualiproblemi sanitari.

Pero’ niente di piu’ legitimo se no di aiutare una famiglia che teme la polizia per via di unrapporto ripreso dalla stampa sia italiana sia francese indicando “maltrattamenti suscettibili di costituire atti di tortura in certi casi”. Famiglia affannata all’idea di essere espulsa illegalmente -com’é già successo e ha occasionato all’Italia diessere condannata, poco fa,  dalla Corte Europea Dei Diritti dell’ Uomo

Soprattutto quando si sa che la guerra, lacarestia e perfino il rischio imminente di un genocidio (vedi qui e qua) imperversano nel Sudano Sud e nel Darfour. Situazione piu’ dramatica ancora quando la stampa italiana fa caso di un accordo segreto tra le autorità italiane e sudanesi, di rimpatrio dei nazionali sudanesi – su ingiunzione europea-

Sono queste notizie attinenti alla situazione dei migranti tanto in Italia quanto in Sudano Sud che hanno spinto Felice ad ascoltare la mamma di questa famiglia, incinta, con due bambini di 2 e 5 anni, che gli stava spiegando in inglese da dove venivano. Felice non poteva stroncare la poca speranza di questa mamma di portare i suoi piccoli in un luogo sicuro dove farli crescere degnamente.

Cosi’, quando gli ha chiesto di portarla in Francia colla famiglia, mostrandogli, sulla pancia del figliolo di cinque anni, le scottature provocate dall’incendio della loro casa in seguito ad una strage nel villaggio, Felice non ha piu’ esitato, nemmeno un secondo.

Dopo una prima udienza il 16 febbraio 2017, la requisitoria del Procuratore e l’arringa della difesa verranno ascoltati dal Tribunale d’Imperia il 16 marzo prossimo.

Non possiamo credere che a quella miseria venga aggiunta una condanna per quello che ha provato di porre riparo.

 

 

 

 

Associations signataires

Association pour la démocratie à Nice (ADN), Cimade 06, Comité de vigilance des Alpes-Maritimes (COVIAM), Habitat et Citoyenneté, Les amis de la liberté, Ligue des droits de l’Homme (LDH) sections de Nice et Cannes-Grasse, Mouvement contre le racisme et pour l’amitié entre les peuples (MRAP) comité Nice – Grasse, Réseau éducation sans frontières (RESF)06, Roya Citoyenne, Syndicat des avocats de France 06 (SAF), Comité de Soutien aux Solidaires 06, Amnesty relais réfugiés 06.

 

fonte

 

trovate la petizione su change org…

cercate il titolo

 

Réfugiés à Vintimille : une condamnation de Félix Croft serait injuste !

 

e firmate

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...