IMPERIA. CASO AGNESI, I LAVORATORI INCONTRANO IL VICEPRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA LO BELLO: “CHIEDEREMO DI SOSTENERE LA NOSTRA CAUSA”/e la notte lui penso…. save agnesi in piazza OGGI IMPERIA IN PIAZZA

tutti sti io….. ;) fan venire il mal di pancia…. ufff

;)

a voi?

cmq dice io c’ero tu non c’eri serve a poco…. perchè pure chi non fà molto… sostendo la lotta.. grande presidio al 3 giorno… pasta e pasta… ore 12… un esempio di coraggio.. un coraggio che mai smette d’essere domo… anche se il coraggio è anche a volte non esserci… il silenzio accompagna il mio cuore… a volte ferito… da certi SVEGLIA ;) … FORSE  è proprio questo che uccide il noi… …. un imperia si mobilità, un imperia osserva la morte del agnesi …. chissà chi vincerà?  si lotti per ogni cosa…. anche se non ci si è… osi lavora come spesso si fà e si deve fare… il noi torni e forza forza anche chi non c’è sostiene 

;)

Butta la pasta – Chiude la fabbrica Agnesi – Nuova Resistenza

dajeeeee in marcia dajeeee…..

IMPERIA. CASO AGNESI, I LAVORATORI INCONTRANO IL VICEPRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA LO BELLO: “CHIEDEREMO DI SOSTENERE LA NOSTRA CAUSA”

Presso il Museo dell’Olivo dello stabilimento Fratelli Carli, una delegazione dei lavoratori dell’Agnesi, al terzo giorno di sciopero
per la paventata chiusura dello storico pastificio a fine 2015, incontra il vice presidente di Confindustria Ivanhoe Lo Bello

TUTTI IN PIAZZA TUTTI TUTTI

e la notte lui penso… save agnesi oggi in piazza…. 

 

tutti ne parlano

;)

fonte

perchè in piazza??? perchè è ora che imperia segua l’esempio degli operai del AGNESI IMPERIA 

Movement Torino Music Festival.


GENAU è partner ufficiale di tutti gli eventi Movement Torino Music Festival. Contattateci per i vostri ticket alle migliori condizioni al 392-8039321 o genau.turin@gmail.com. Oppure contattate i nostri PR.

Sabato 25 Ottobre
OPENING PARTY @ Loud Club w/ Maceo Plex, Barnt, Gardens of God (Ellum Showcase)
Bracciale 15€ + 5€ alla cassa

Martedì 28 Ottobre
BORDERLAND Live (Juan Atkins + Moritz Von Oswald) @ Conservatorio Verdi
Ticket 15€

Venerdì 31 Ottobre
MAIN EVENT @ Lingotto Fiere w/ Jeff Mills, Chris Liebing, Karenn Live, Jaun Atkins, Moodymann, Rick Wilhite, Joseph Capriati, Ellen Allien, Steffi, Davide Squillace, Matthias Tanzamann, Martin Buttrich, Skream, Timo Maas & many more
Ticket 30€

Sabato 1 Novembre
CLOSING PARTY @ Loud Club w/ Kerri Chandler, Rame, Lele Sacchi
Bracciale 10€ + 5€ alla cassa

ARCI GUERNICA

Guernica e Handala VEN 24 e SAB 25

SABATO il CIRCOLO E’ APERTO

VENERDI’

CON IL CIRCOLO GUERNICA ORGANIZZANO UNA SERATA:

RIVOLTA TUNISINA 3 ANNI DOPO

Il 6 febbraio 2013 alle 8 del mattino è stato assassinato il compagno CHOKRI BELAID davanti a casa sua a tunisi , è stato il primo omicidio politico in tunisia dopo l’omicidio di HACHAD.

Da quel giorno la tunisia non è piu stata la stessa…..

 

VENERDI 24 OTTOBRE 2014 :

ORE 20,30 : CENA

  • Chorba tunisina
  • Couscous alla tunisina anche in versione vegetariana
  • Dolce

MUSICA E BALLI TUNISINI.

AL CIRCOLO GUERNICA – VIA MAZZINI 15 IMPERIA

L’INGRESSO E’ RISERVATO AI SOCI ARCI

Leggi online.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

auguri imperia 21 ottobre 1921 / 21 ottobre 2014/Scajola mercoledì sarà a Reggio Calabria inizia il processo che lo vede imputato

cmq grillo è demos 

giovedì 23 ottobre, alle ore 18, ci sarà una fiaccolata che, dall’Agnesi,‪#‎iostoconlagnesi‬

fonte

Pagina di Lotta Attiva alla Discriminazione

auguri imperia auguri

Il Comune di Imperia è relativamente “giovane”, essendo nato solo nel 1923. Per la storia precedente dei due rioni principali che lo costituiscono, vedi separatamente quelle di Porto Maurizio e Oneglia

Gli anni venti: nascita della città[modifica | modifica wikitesto]

Imperia nasce dalla fusione di due città, Oneglia e Porto Maurizio, e di due territori storicamente e geograficamente distinti.

L’unificazione delle due città, da anni dibattuta, fu resa possibile da una legge del 1922 con la quale il governo assumeva pieni poteri nel riordinamento della pubblica amministrazione. Il 21 ottobre 1923 un decreto reale di Vittorio Emanuele III stabilisce di riunire in un unico comune denominato Imperia gli undici preesistenti comuni di[1]:

  • Porto Maurizio
  • Borgo Sant’Agata
  • Caramagna Ligure
  • Castelvecchio di Santa Maria Maggiore
  • Costa d’Oneglia
  • Poggi
  • Torrazza
  • Moltedo
  • Montegrazie
  • Oneglia
  • Piani

Il testo del decreto è oggi riprodotto in un grande affresco nella Sala Consiliare del Comune.

Si chiudeva così, per mano di un governo autoritario, un iter che si trascinava polemicamente da decenni a partire dall’Unità d’Italia in quanto, anche se le due città erano troppo vicine per non fondersi, prima o poi, in un solo comune, le modalità di questa unione erano troppo controverse e sentite dai rispettivi cittadini perché si potessero risolvere spontaneamente. Ad esempio, anche solo per la scelta del nome della futura città le polemiche non mancarono: furono proposti e scartati nomi come Porto Maurizio-Oneglia (giudicato troppo lungo), Portoneglia (ritenuto offensivo dai portorini perché il nome della loro cittadina risultava troncato), Porto Maurizio (come la precedente provincia, ma rifiutato dagli onegliesi che si ritenevano non rappresentati), più altri di fantasia.

Fu infine scelto (o meglio imposto dall’alto) Imperia, dal nome “neutrale” del torrente Impero che le separava e che suonava particolarmente adatto per la politica patriottica ed imperialista dell’epoca. Il progetto era quello di creare una città unica, su modello classicheggiante. Tracce di questa volontà, che si ispira ai principi dell’ideologia fascista, sono evidenti nell’architettura razionalista degli edifici civici costruiti in quegli anni: il Municipio, il Palazzo delle Poste, l’Ufficio Tecnico Erariale (tutti estremamente simili a quanto contemporaneamente si edificava a Latina e Sabaudia). Tutti questi edifici furono edificati in una zona pianeggiante a metà strada tra Oneglia e Porto Maurizio, così da enfatizzare il loro carattere di palazzi pubblici della nuova città

Gli anni trenta[modifica | modifica wikitesto]

Superato il clima di ostilità tra le due cittadine principali, cominciarono diversi studi per unificare in maniera concreta la città appena nata. Dunque, mentre si progettavano le linee di espansione di Oneglia e Porto Maurizio, si cercò di fare in modo che queste convergessero e si saldassero reciprocamente, per rafforzare l’unità del nuovo comune: in questo modo si ipotizzò la costruzione di un nuovo centro a metà tra i due insediamenti principali in una zona allora disabitata e, precisamente, nel luogo in cui le due cittadine – in passato rivali – ebbero numerosi scontri, anche armati (a questo proposito, i giardini di Piazza della Vittoria nacquero proprio colmando, anche simbolicamente, il fossato che aveva spesso fatto da teatro a questi scontri).

Oltre a queste intenzioni si pensò e si studiò il progetto di un porto turistico e commerciale unico che inglobasse i due esistenti. Anche la costruzione di una stazione ferroviaria centrale (con diramazione verso il Piemonte e, quindi,Torino, da sempre sogno irrealizzato di Cavour, che aveva dei possedimenti ad Oneglia) doveva avvicinare i due abitati.

Il periodo bellico[modifica | modifica wikitesto]

I danni subiti negli anni della Seconda guerra mondiale bloccarono ogni cantiere: la città risultò più volte bombardata nel corso del periodo bellico (in uno di questi bombardamenti fu anche distrutto l’imponente carcere di Oneglia, per il quale la città era nota in tutta Italia) e le zone antistanti il mare furono sfollate a forza, minate e chiuse da un muro in cemento armato, per evitare possibili sbarchi nemici. Nel mese di maggio del 1945 la città (e tutta l’attuale provincia) fu occupata da truppe di soldati francesi i cosiddetti Tirailleur, su ordine diretto di Charles de Gaulle, che dopo un mese si ritirarono nuovamente oltre Ventimiglia.

Il dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Fu questo un periodo di crisi per la città: un’espansione poco controllata creò quartieri depressi, anche se in misura molto minore rispetto alle grandi città del nord. Per anni, Imperia coltivò il sogno di un grande porto commerciale per lo sviluppo della città (sfruttando il grande spazio sul mare fra i due centri, inutilizzato), ma sia la rivalità delle altre città liguri i cui porti erano allora in crisi (Genova soprattutto, ma anche Savona e La Spezia) che la mancanza di efficaci vie di comunicazione verso il Piemonte rivelarono questo progetto come troppo ambizioso.

Gli anni settanta[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione di un lungomare (Lungomare Amerigo Vespucci tra i due nuclei urbani, detto superstrada (è una strada a due corsie per ogni senso di marcia), se da un lato permise un più rapido collegamento tra Oneglia e Porto Maurizio, dall’altro non fece che accentuare la loro distanza.

Dagli anni novanta ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Oggi, la spinta verso uno sviluppo turistico anziché industriale per la città è stata finalmente accettata da tutte le istituzioni che, anche per motivi ideologici, l’avevano per anni osteggiata ed è stata avviata la costruzione del porto turistico. Per il 2009 era previsto il completamento della nuova stazione ferroviaria, costruita in seguito al progetto di sdoppiamento e spostamento a monte della linea ferroviaria (ad oggi principalmente a binario unico) da Finale Ligurea Ventimiglia, ma tuttora il cantiere è in attività e la linea, così come la nuova stazione ferroviaria non sono ancora in attività.

La distanza tra le due cittadine non è più concepita come un ostacolo o un elemento sfavorevole, ma come un punto di forza che, tutto sommato, caratterizza in maniera particolare la forma urbis di questa città. Imperia, proprio in questo periodo, sta attraversando una fase particolare in cui si punta a riequilibrare il rapporto tra il suo ruolo politico e la presenza di strutture idonee alla sua importanza, in relazione al suo titolo di capoluogo di Provincia (confronto con altre città quali Savona e La Spezia), ma anche in relazione al fattore turistico (confronto con centri quali Bordighera,Sanremo, Alassio). Tutti i progetti in via di approvazione e concretizzazione puntano, dunque, ad esaltare l’importanza di questa località, che vorrebbe porsi come vero centro del Ponente Ligure.

Storia di Imperia – Wikipedia

AUGURI IMPERIA  E BON RATELLI 

;)

NASCONO ALTRI GRUPPI FB AD IMPERIA …. CHISSà COSA FARANNO

CHISSà CHISSà

CMQ SAVE AGNESI IMPERIA 

Ci sarà anche lui mercoledì a Reggio Calabria, alla prima udienza del processo che lo vede imputato per il presunto favoreggiamento della latitanza del compagno di partito e amico Amedeo Matacena: l’ex ministro Claudio Scajola, che è agli arresti domiciliari nella sua villa a Imperia, secondo quanto riferito dai suoi legali, è già stato autorizzato a raggiungere Reggio con mezzi propri. Insieme a lui comparirà davanti ai giudici del Tribunale reggino la segretaria di Matacena, Maria Grazia Fiordalisi. 

Per Matacena, invece, la Dda, che coordina le indagini, ha disposto lo stralcio, così come per la madre dell’ex deputato di Fi, Raffaella De Carolis, e l’ad della società Amadeus, la holding della famiglia Matacena, Antonio Chillemi. 

Scajola mercoledì sarà a Reggio Calabria
inizia il processo che lo vede imputato

SEMPRE IN GIRO SCIABOLETTA….  COME FINIRà LA STORIA?

CHI LO SA CHI LO SA….. 

;)

TUTTO A SUA INSAPUTA OVVIO OVVIO 

http://www.wired.it/…/…/08/13/motivi-avere-meno-paura-ebola/

ESSI SI IMPARI AD AVER MENO PAURA DEL EBOLA 

;)

compratelo

;)

In libreria ‘She’s waiting for a portrait’, collana di poesia ‘Comete’, Matisklo Edizioni, con la bella prefazione di Giangiacomo Amoretti. Non perdetelo.

https://matiskloedizioni.wordpress.com/…/in-libreria-shes-…/

She's Waiting for a Portrait

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Due nuove uscite per Comete

Originally posted on Matisklo Edizioni:

Sarà una settimana interessante quella che inizia domani, con l’uscita di due libri – entrambi di poesia – che più diversi tra loro non si può, ma entrambi estremamente significativi.

E siccome l’affermazione del paragrafo precedente dice tutto ma anche niente, vediamo quali sono questi due libri e perché secondo noi sono così importanti.


She’s Waiting for a Portraitcover, di Francesca Ferrari, prima pubblicazione dell’autrice modenese (membro di Bibbia d’Asfalto – Poesia Urbana e Autostradale e dell’associazione Poetineranti, vincitrice del Premio Speciale “Anna Grenno” per la miglior composizione poetica femminile alla prima edizione del Premio Nazionale di Poesia “La Bormida al Tanaro Sposa”) è una raccolta tri-partita, in cui ogni sezione “corrisponde ad una sperimentazione poetica diversa, senza però che ne soffra l’impianto complessivo del libro, basato sul confronto-scontro con un’intensa esperienza umana: l’esperienza, reale ed anzi in certo modo realistica e insieme tutta tramata di significazioni…

View original 367 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Pallanuoto: nel Campionato Italiano, continua la cavalcata della Mediterranea Imperia./

Pallanuoto: nel Campionato Italiano, continua la cavalcata della Mediterranea Imperia.

La giovane formazione capitolina si deve arrendere alle campionesse d’Italia, scese in acqua con una grandissima determinazione come richiesto da Capanna nei giorni precedenti l’incontro.
Degna di nota la percentuale in superiorità numerica delle giallorosse, 100%.
Applauditissima tra le ospiti Raissa Risivi, rimasta sicuramente nel cuore dei tifosi imperiesi.
Mattatrice della giornata Giulia Emmolo con cinque reti, anche Stieber gioca una prestazione degna di nota con 4 realizzazioni. Per le romane, a segno Picozzi con una doppietta  e la giovane “figlia e sorella d’arte” Mirarchi.

daje mediterranea forza forza

daje talpun daje daje 

cmq ……… smistamento si o no  

referendum smistamento si o no ? vince il no…. ma nun a valore il referendum sull gruppo se sei imperia se

satir ci sta …. non seminate terrore in rete  però

:(

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Acqua pubblica, il conto diventa salato. Capacci: «A pagare saranno i cittadini»/GENAU /Il 19 ottobre per la pace – PerugiAssisi

Acqua pubblica, il conto diventa salato. Capacci: «A pagare saranno i cittadini»

Imperia – Pericolo di stangata in bolletta dopo la sentenza del Consiglio di Stato in materia di acqua pubblica. A lanciare l’allarme è lo stesso sindaco di Imperia Carlo Capacci: «Non ci sono tanti scenari ipotizzabili. Iren deve uscire da Amat perché lo ha stabilito il Consiglio di Stato. Quindi, o il Comune acquista le quote di Iren, o si mette in liquidazione l’Amat e Rivieracqua si compra gli asset, reti e tutto il resto.

Acqua pubblica, il conto diventa salato. Capacci: «A pagare …

Acqua pubblica, il conto diventa salato. Capacci: «A pagare …

Acqua pubblica, il conto diventa salato. Capacci: ‘A pagare …

e io pago uff …. ufff….

GENAU 

Sabato 18 Ottobre 2014, GENAU inaugura la serie di eventi “THEATRE OF TECHNO” nella splendida cornice del CAP10100 a Torino (Corso Moncalieri 18). Ospite d’eccezione JEROME SYDENHAM (Ibadan Rec. / USA).

Vi ricordiamo che per entrare in LISTA RIDUZIONE (7€ entro mezzanotte, 10€ entro l’1.00, 15€ dopo) è necessario inviare i propri nominativi a genau.turin@gmail.com oppure al 392-8039321.

Info Evento: https://www.facebook.com/events/1481000765519306/


cmq

marciare per la pace siempre siempre….

Il 19 ottobre per la pace – PerugiAssisi.org‎

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

IMPERIA. TRUFFA DA 300 MILA EURO ALLE RC AUTO, MAXI-OPERAZIONE NEL CENTRO DI ONEGLIA DEI CARABINIERI. L’ACCUSA È DI ASSOCIAZIONE A DELINQUERE/arci guernica venerdi 17/Inghilterra, un sì alla Palestina

Imperia. Nuova maxi-operazione del nucleo operativo dei Carabinieri di Imperia che, dopo lunghe indagini, sono riusciti a fermare diverse persone con l’accusa di associazione a delinquere.

Il blitz è partito ieri mattina, martedì 14 ottobre, intorno alle 5, al termine di una lunga serie di indagini. Ai fermati viene contestata una truffa ai danni delle Assicurazioni RCAuto per un valore di circa 300 mila euro.

I dettagli dell’operazione verranno resi noti questa mattina nel corso di una conferenza stampa convocata per le ore 10 presso la Caserma Somaschini di via Matteotti.

IMPERIA. TRUFFA DA 300 MILA EURO ALLE RC AUTO …

occhio alle truffe siempre occhio ragazzi…. siempre…. siempre

arci guernica

VEN 17 Ottobre -

BREATH Enjoy life Hold on LEAVE

DALLE ORE 20,00

in cucina

I PIATTI DELLA TRADIZIONE

CONDIGLIONE

TRENETTE AL PESTO CON PATATE E FAGIOLINI

DOLCE DALLA TRADIZIONE LIGURE

Di seguito

associazione culturale olivo nero

Alberto Carli 

presenta

 BREATH  Enjoy life  Hold on  LEAVE

Leonardo (Leo Lagorio)  sax

Piero Mareri  piano

e un ospite graditissimo ………….

in Concerto

LONDRA – La Camera dei Comuni britannica ha approvato una mozione che chiede il riconoscimento della Palestina come Stato. È quanto riporta la Bbc. I voti a favore sono stati 274, quelli contrari 12.

Inghilterra, un sì alla Palestina

e un inizio di qualcosa di nuovo si spera….. dai  

BRAVI I VOLONTARI IMPERIESI CHE SON ANDATI AD SPALARE A ZENA MITI MITI

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Presa dai carabinieri di Imperia, la BANDA DELLE SLOT MACHINES, 9 i bar colpiti tra maggio e giugno

fonte

Genova24

volontari_genova_volontari_genova8_1

Info volontari angeli fango e persone che intendono prestare la loro opera volontaria nelle zone colpite dall’alluvione

Alluvione Genova, info volontari angeli fango e persone che intendono prestare la loro opera volontaria nelle zone colpite dall’alluvione, devono rivolgersi presso i seguenti Municipi:

  1. Bassa valbisagno – piazza Manzoni 1
  2. Media Valbisagno – piazza dell’Olmo 3
  3. Centro Est – via Garibaldi 9, Palazzo Galliera
  4. Medio Levante – via Mascherpa 34 rosso
  5. Levante – via Pinasco 7

dove saranno organizzati dagli operatori Aster.

Angeli del fango | Emergenza Alluvione 2014 – Open Genova

Genova – Succede, purtroppo, in tutto il mondo “occidentale” e non poteva non succedere anche da noi. Su Facebook arriva lo sciacallaggio: le magliette fasulle per la pagina “Genova rialzati comunità”. La denuncia è partita da Don Valentino Porcile, parroco di Sturla. «Nasce su Fb la pagina “Rialzati Genova Comunità” che propone la vendita di magliette da un sedicente “gruppo di Genova”. Questa cosa di approfittare della tragedia genovese per lucrare è vergognosa. Invito la stampa a dare notizia di questo. Invito le autorità a indagare. Invito tutti a ricoprire di “commenti” questa pagina, dicendo a questa gente quello che si merita».

Dopo la pubblicazione dell’articolo, il sedicente Giulio Tulio ci ha inviato una mail affermando che:

«Siamo un gruppo di ragazzi genovesi che non si trovano a Genova e che pertanto non hanno potuto aiutare spalando. Data la nostra conoscenza del web, e data la virilità’ di questo, abbiamo deciso di utilizzare teezily.com per la donazione (sito che per trasparenza non fa neppure vedere i soldi a chi crea la campagna se per beneficenza, ma che li manda direttamente a chi sovra beneficiarne)».

A parte i refusi, invitiamo i lettori a constatare di persona come funziona il sito teezily.com: si tratta di un sistema di merchandising di magliette che non fa alcun riferimento a “chi sovra beneficiarne” ma dà i soldi direttamente ai promotori della campagna. Legalmente e legittimamente, per carità: ma non è un sistema che “non fa neppure vedere i soldi a chi crea la campagna se per beneficenza”.

«In tre giorni abbiamo realizzato un profitto (interamente devoluto) di 709 euro, che al momento sono nelle mani di Teezily.com, profitto che nei prossimi giorni sara’ bonificato alla Caritas di Genova (chiedete pure conferma nei prossimi giorni)».

Da devolvere o già devoluto? Non si direbbe, visto che sulla pagina si invita a comprare per poter avviare la stampa delle magliette (servono “almeno” 150 euro).

Per poi concludere con una dura reprimenda: «vi siete trovati vostro malgrado a scrivere il falso. Lei sa quanti soldi si possono raccogliere con il crowdfunding: 709 euro sono niente rispetto a quanto si poteva raccogliere e devolvere, ma va bene, questa esperienza ci insegna che le persone (e i giornali), non sono ancora in grado di fare un passo avanti. Per noi giovani questo e’ uno dei motivi per cui l Italia non esce (e non uscirà mai?) dalla crisi. Non solo ci viene impedito di fare libera impresa e di avere dei posti di lavoro come ai tempi delle “vecchie generazioni”, ma ora non si può’ fare neppure più beneficenza. Non era la nostra opinione, anzi abbiamo sempre creduto nella nostra amata Italia, ma i fatti ci hanno portato a ricrederci e a sposare anche noi l’ideale comune nei giovani che da questo paese si può solo scappare. Spero tutto si concluderà’ amichevolmente, siamo, come siti sopracitati, disposti a fornire ulteriori chiarimenti, e invitiamo alla documentazione REALE prima di scrivere articoli».

Ci pare di esserci documentati a sufficienza: l’attività di vendita di magliette è libera, l’intenzione successiva di utilizzare i proventi di tale attività pure, il resto è meglio non commentarlo.

Liguria, allerta 2 fino alle 24

E subito su Facebook arriva lo sciacallaggio: le magliette …

azz ci son cascato pure io

:(

 il BLOG SI SCUSA… DI AVERLO PUBBLICIZZATO 

Presa dai carabinieri di Imperia, la BANDA DELLE SLOT MACHINES, 9 i bar colpiti tra maggio e giugno

Nel corso della sera di ieri, 11 ottobre, i militari della Stazione Carabinieri di Imperia, hanno sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria con obbligo di permanenza in casa nelle ore notturne le persone sotto elencate per furto aggravato in concorso. Le attività delittuose sono state perpetrate ai danni di n. 9 Bar tra Imperia e Diano Marina, nei mesi di maggio e giugno ultimi scorsi, attraverso la manomissione del sistema di ricezione ed erogazione di denaro delle slot machines presenti all’interno.

Presa dai carabnieri di Imperia, la BANDA DELLE SLOT

la criminalità aumenta….. non è una cosa bella….. si vigili sempre e sempre di più……. criminalità vuol dire mafia…. fermare la criminalità…  ora adesso

movida nel ponente dajeeee dajjjeeee

daje arci camalli dajeee dajjeeee

e

movida e VICINANZA A ZENA  ORA ADESSO….. PENSARE AL AMBIENTE LIGURE 

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento